Il Festival Chorus 2014

“10 giorni per scoprire musiche di qui e di altrove” è lo slogan del Festival Chorus che si svolge a La Défense.

Il Festival Chorus

Festival musicale organizzato dal Conseil général des Hauts-de-Seine Vai alla voce nel Glossario de La Défense, da oramai 26 anni vuole favorire l’incontro fra diverse generazioni di artisti, nonché la scoperta e la promozione dei nuovi talenti. Questa ventiseiesima edizione si svolge dal 28 marzo al 6 aprile 2014, a La Défense e in una trentina di città del Département des Hauts-de-Seine Vai alla voce nel Glossario de La Défense.

Anche se privilegia i giovani artisti, il festival propone una programmazione rivolta ad un pubblico di più generazioni. Non solo avvicina il pubblico di tutte le età alla musica “giovane” ma si rivolge anche ai giovanissimi: il Chorus des enfants (Chorus dei ragazzi) offre proprio spettacoli rivolti ai più giovani. Ogni fine settimana e il mercoledì alle 14.30, potranno scoprire o ritrovare la Compagnie Nid de Coucou, The Wackids, Sati, Aldebert o le Sacre du Tympan.

E’ un’occasione imperdibile per scoprire la musica francese recente, meno esportata e molto presente al festival anche se non mancano artisti stranieri. Si spazia dalla canzone al rock, alla musica elettronica, l’hip-hop e la world music.

Il vero tema è quello della musica attuale e dell’emergenza e della promozione dei nuovi talenti, francesi ed internazionali.

Ed è proprio a La Défense che si trova Le Village, il fulcro del festival, su due sedi: il Magic Mirror, struttura in legno degli anni ’30 decorato con specchi, con 1.450 posti e il Dôme, alto e spazioso.

In settimana, Chorus propone i Midis e gli Afterworks, a mezzogiorno e in fine pomeriggio, con concerti gratuiti (Cats on Trees, Valérie June, Hollysiz, …) mentre la sera e nei fine settimana, si svolgono spettacoli a pagamento (ma con prezzi accessibili).

Gli artisti del Festival

Provenienti da diversi paesi, affermati o esordienti,, numerosi artisti si alternano nei concerti: da Tazieff, Stamp, Winston McAnuff & Fixi, Nosfell, Natas Loves You fino a -M-, Babyshambles, Klaxons, IAM, Skip The Use, Mademoiselle K, The Shoes, The Bellrays, Ibrahim Maalouf, High Tone… Per non parlare degli esordienti francesi dell’indie-rock e del pop come Griefjoy, Sarah W_Papsun o Rocky, dell’hip-hop di Dope D.O.D, Billie Brelock o Big Flo & Oli, o The Jim Jones Review e Jackson & His Computer Band.

E’ vero che in questo sito ci dedichiamo solo a La Défense ma va detto che gli appassionati possono anche scegliere fra 37 concerti nelle città vicine, che accoglieranno celebrità della musica quali Michel Fugain (a Saint-Cloud) o Goran Bregovic (a Boulogne-Billancourt).

10 giorni per scoprire musiche di qui e di altrove
© Conseil général des Hauts-de-Seine

Che cosa volete fare?

Volete visitare La Défense?

Approfittate dei concerti gratuiti e organizzate la vostra visita de La Défense in modo da farla coincidere con uno o due di questi.

Siete incuriositi da questa musica “giovane”?

Comprate un giornaliero (20 €) e tra un concerto e l’altro scoprite i grattacieli e le opere d’arte de La Défense.

Siete un appassionato di musica?

Comprate un Pass per uno dei due week-end (50 €) e fate un’immersione nella musica ma senza dimenticare di visitare il quartiere!

Per maggiori informazioni sul Festival Chorus (in francese)

Il festival Chorus: http://chorus.hauts-de-seine.net/

Il blog del festival: http://blogchorus.hauts-de-seine.net/

Gli artisti: http://chorus.hauts-de-seine.net/les-artistes/

Per trovare i concerti gratuiti: http://chorus.hauts-de-seine.net/programme/village-chorus/

Chorus su Twitter: https://twitter.com/festivalchorus

Chorus su Facebook: https://it-it.facebook.com/lefestivalchorus

Per comprare i biglietti: http://chorus.hauts-de-seine.net/infos-pratiques/billetterie/

Buon ascolto!

Il lucertolone della foto di copertina? La mascotte del festival.

La Parade Immobile - Compagnie Oposito - 2010

Divertirsi a La Défense

Se La Défense e il suo museo all’aperto vi fanno dire: “All’aperto va bene, ma è sempre un museo. E io i musei …” oppure se i grattacieli di vetro e acciaio vi fanno rimpiangere i tempi passati e diventare nostalgici, niente paura.

A La Défense non ci sono soltanto arte e architettura ma anche divertimenti!

Cinema, sport, musica, mostre, mercatini, shopping – ovviamente ristoranti e bar – e tante altre forme di divertimento che animano il quartiere e lo rendono molto vivo.

Diversi eventi sono diventati ormai appuntamenti fissi (fra parentesi, il periodo in cui si svolgono generalmente):

 

Chorus (marzo – aprile)

Festival Chorus 2014 - © Conseil Général des Hauts-de-Seine
© Conseil Général des Hauts-de-Seine

Chorus è un festival musicale organizzato dal Conseil général des Hauts-de-Seine Vai alla voce nel Glossario de La Défense con una programmazione che va dalla canzone al rock, passando dalle musiche elettroniche, l’hip-hop, la world music e le musiche attuali. Punto centrale dell’evento è il Village du festival, in centro a La Défense, che propone concerti gratuiti a mezzogiorno e fine pomeriggio, a pagamento la sera. E nel 2014?

 

La Défense Jazz Festival (giugno)

La Défense Jazz Festival - © Conseil Général des Hauts-de-Seine
© Conseil Général des Hauts-de-Seine

Organizzato dal Conseil général des Hauts-de-Seine Vai alla voce nel Glossario de La Défense in collaborazione con Defacto Vai alla voce nel Glossario de La Défense, La Défense Jazz Festival si svolge all’aperto ed è gratuito. Il festival offre una programmazione di qualità in un universo jazz eclettico aperto alla contaminazione degli stili musicali: soul, funk, blues, world music, electro, hip-hop, rock … E’ giunto alla 36esima edizione nel 2013 con la partecipazione di circa 43.000 spettatori. E poi alla 37esima nel 2014. E nel 2015?

 

 

L’Eté Defacto (luglio – agosto)

L'été Defacto - © Defacto
© Defacto

D’estate La Défense si trasforma. Gli impiegati. residenti e turisti invadono gli spazi pubblici e le numerose aree verdi. E’ il periodo della vita all’aperto, del dolce far niente e della tintarella: ci si può anche abbronzare. Su iniziativa di Defacto Vai alla voce nel Glossario de La Défense, d’estate l’iniziativa Eté Defacto mette a disposizione tavoli da pique-nique, poltrone e sdraio, scambi di libri, giochi giganti quali scacchi, dama, calcio balila. E nel 2014?

 

 

La Défense Tours Circus (settembre)

La Défense Tours Circus - © Conseil Général des Hauts-de-Seine
© Conseil Général des Hauts-de-Seine

Organizzato dal Conseil général des Hauts-de-Seine Vai alla voce nel Glossario de La Défense e da Defacto Vai alla voce nel Glossario de La Défense, La Défense Tours Circus è un festival gratuito delle arti di strada e del circo. Grazie a una ventina di compagnie di strada, La Défense si anima al ritmo degli spettacoli e si trasforma in un teatro all’aperto dove si mescolano architettura monumentale e poesia delle arti di strada. E’ giunto alla terza edizione nel 2013. E nel 2014?

 

Le Spectacle Defacto (settembre)

Le Spectacle Defacto - © Defacto
© Defacto

In una sera di settembre, suoni e luci, fuochi d’artificio e proiezioni in “mapping 3D” giocano con l’architettura monumentale del quartiere. Grattacieli e Grande Arche diventano schermi giganti sui quali le proiezioni creano effetti spettacolari. Anche gli edifici più monumentali sembrano animati. Particolarmente d’effetto le proiezioni 3D sulla facciata della Grande Arche, di 7.500 m².

 

Le Giornate Europee del Patrimonio (settembre)

Les Journées du Patrimoine - © Defacto
© Defacto

La Défense partecipa ogni anno alle Giornate europee del patrimonio, che coinvolgono una cinquantina di paesi europei e sono destinate a far conoscere e valorizzare il patrimonio dei singoli paesi in tutte le sue forme. In particolare nel 2013 i visitatori hanno scoperto il Clos de Chantecoq, la vigna coltivata fra i grattacieli, composta da 700 ceppi, metà di Chardonnay e metà di Pinot nero, partecipando alla vendemmia e … alla degustazione.

 

 

Mercatino di Natale (novembre – dicembre)

Le Marché de Noel - © Defacto
© Defacto

Mercatino o mercatone di Natale? Con 300 chalets di legno installati nel centro del quartiere degli affari, è un vero e proprio villaggio che si insedia di fronte a la Grande Arche. Un appuntamento popolare che propone ogni anno oggetti artigianali e specialità gastronomiche: foie gras del Sud-Ovest, vini, formaggi delle Alpi … Simile a tutti i mercatini di Natale, ma grande, molto grande.

 

 

Molti degli eventi organizzati sono gratuiti. Non perdeteli. Arte e architettura? Va bene, ma spazio anche al divertimento! Seguiteci per essere informati delle date delle manifestazioni e delle modalità di partecipazione.

La fotografia di copertina è un dettaglio de La Parade Immobile (La parata immobile), installazione della Compagnie Oposito del 2010.

La Défense, regno dell’architettura

Se possiamo chiederci cosa c’entra l’arte a La Défense, per l’architettura non vi sono dubbi!

Dal primo edificio costruito all’ultimo grattacielo ancora da terminare, è un susseguirsi di prodezze architetturali e una sfida continua fra architetti.

Francesi o di altri paesi, singoli o associati, famosi oppure sconosciuti, tutti hanno lasciato nelle loro opere e nel quartiere stesso un’impronta che riflette non soltanto il loro estro ma anche i requisiti che “les tours”, ossia le torri, i grattacieli, dovevano rispettare al momento della costruzione.

Infatti, come vedremo in altri articoli, dagli anni ’50 ad oggi si sono susseguite cinque generazioni di torri, ognuna caratterizzata nella costruzione degli edifici da obiettivi e da vincoli diversi.

Ma non è soltanto per i grattacieli che merita di essere raccontata l’architettura de La Défense ma per i due punti chiave che ne hanno ispirato la progettazione e la costruzione:

  • l’Axe historique (l’asse storico): è la via rettilinea nata per collegare il Louvre, residenza dei Re di Francia, alla foresta di Saint-Germain-en-Laye dove andavano a caccia. Oggi è la linea che dal Louvre va a La Défense, passando per i Champs-Elysées e l’Arc de Triomphe (Arco di Trionfo). Non a caso La Défense si trova nella sua posizione attuale. La sua storia meriterà di essere raccontata così come gli aneddoti che ne hanno costellato la realizzazione
Una parte de l'Axe historique visto da La Défense
Una parte de l’Axe historique visto da La Défense. In primo piano, un dettaglio dei segnali luminosi dell’opera Le Bassin Takis.
  • la dalle (letteralmente “la lastra”): si riferisce al sistema di pavimentazione sopraelevata che sta alla base dell’intero quartiere degli affari e che separa le costruzioni di superficie (uffici, abitazioni, negozi, …) dai servizi sottostanti (trasporti pubblici, autostrade, parcheggi, infrastrutture, …). Anche se oggetto di qualche critica (ma quale realizzazione non lo è?) questa scelta è a nostro parere il colpo di genio iniziale che ha reso pedonale il quartiere degli affari, facendolo diventare una delle più affascinanti mete turistiche moderne.

E pensare che l’idea, ripresa dall’architetto francese Le Corbusier, è stata di Leonardo da Vinci!! Ma questa è una lunga storia …

L’architettura sarà quindi un altro tema che ci permetterà di raccontarvi La Défense. Seguiteci!

 

Dettaglio di un gratatcielo de La Défense. Quale sarà?

I superlativi de La Défense

La Défense è un quartiere superlativo!

E i superlativi non mancano per illustrare i diversi primati che gli sono riconosciuti.

Volete farvi un’idea?

Abbiamo raccolto per voi in questo articolo quelli che si trovano nei documenti, articoli, comunicazioni o siti che parlano de La Défense.

Il più grande quartiere d’affari d’Europa” (La Défense)

Il primo quartiere d’affari d’Europa” (La Défense)

Il più grande centro commerciale d’Europa” (Les Quatre Temps e il CNIT)

L’unico quartiere d’affari a potersi vantare di avere una vigna” (La Défense)

La più grande volta autoportante del mondo” (Il CNIT)

Il primo complesso di trasporti pubblici d’Europa” (Coeur Transport Vai alla voce nel Glossario de La Défense)

Il più alto grattacielo di abitazioni d’Europa” (Défense 2000, al momento della sua costruzione nel 1974)

Il grattacielo più alto d’Europa” (Richiesto nel 1969 all’architetto Ieoh Ming Pei, si prevedeva avesse un’altezza di 70 – 80 piani ma non fu mai realizzato!)

Il grattacielo più alto di Francia” (La Tour First, alta 231 metri)

Il concerto record del mondo per il numero di spettatori” (Quello di Jean-Michel Jarre a La Défense, il 14 luglio 1990, con 2 – 2,5 milioni di spettatori, che superò i suoi precedenti record e entrò per la terza volta nel Guinness dei Primati)

 

Aggiorneremo questo articolo man mano che ne scopriremo altri.

 

Siete invitati a partecipare. Mandateci, in un commento a questo articolo, i superlativi che trovate su La Défense, indicando dove li avete trovati.

Scriveteci anche se avete indovinato quale torre è rappresentata nella foto di copertina.