Serre mobile - Pomodori e cetrioli di Francia

Pomodori e cetrioli a La Défense

Il 27 e 28 maggio 2014, farà tappa a La Défense la Serre mobile, (la Serra mobile) un’iniziativa per spiegare a bambini e genitori quanto sono freschi e gustosi i pomodori e i cetrioli (in francese tomates et concombres). L’approccio? Far scoprire ai bambini  – giocando – la coltivazione in serra. Pomodori di FranciaOrganizzata per il secondo anno consecutivo dall’Associazione dei Produttori di Pomodori e Cetrioli di Francia, questa iniziativa itinerante spiegherà come la coltivazione in serra ottimizza il processo naturale di crescita dei vegetali mentre rispetta le condizioni per uno sviluppo sostenibile. Cetrioli di FranciaQuesto piccolo miracolo sarà spiegato al pubblico in una serra gonfiabile installata sul Parvis de La Défense Vai alla voce nel Glossario de La Défense. Tramite laboratori pedagogici, giochi e degustazioni, un animatore racconterà a bambini e genitori i meccanismi di questo tipo di produzione: il ruolo degli insetti utili Un insetto utile nella lotta contro gli insetti nocivi, il ciclo di vita di un pomodoro e di un cetriolo, i colori, i sapori, le varietà, … I bambini troveranno:

  • un pomodoro gonfiabile gigante, nel quale sarà proiettato un film divulgativo sulla produzione dei pomodori e dei cetrioli
  • Matie, l’adorabile mascotte a forma di pomodoro, con la quale potranno farsi fotografare
  • uno spazio dedicato a loro per disegnare.

Un insetto utile Il disegno di copertina è tratto dal sito https://www.facebook.com/tomatesetconcombres.

VertiGo 2014, la prima corsa verticale di Francia

VertiGo, la prima corsa verticale di Francia!

VertiGO, la course verticale et solidaire Vi piace correre? Correte per prendere l’autobus oppure fate regolarmente la maratona ma forse non avete mai partecipato ad una corsa verticale.

VertiGo ve ne dà l’occasione. Venerdì 16 maggio 2014, la Tour First de La Défense vi aspetta con i suoi 230 metri di altezza, 48 piani e 954 gradini. Non per niente è il grattacielo più alto di Francia!

Organizzata da Sport Sans Frontières, Beacon Capital e Icade, con la collaborazione di Defacto, l’iniziativa è giunta alla sua seconda edizione. Oltre ad essere una corsa verticale, è anche solidale: VertiGo è una raccolta di fondi per sostenere il Grande Progetto di Sport Sans Frontières (Sport Senza Frontiere): diffondere in tutto il mondo programmi di educazione tramite lo sport.

Sport Sans FrontièresCreata nel 1999, Sport Sans Frontières è un’associazione di solidarietà internazionale. Riconosciuta dal Ministère de la Santé, de la Jeunesse et des Sports (Ministero della Sanità, Gioventù e Sports) e dal Ministère de l’Education Nationale (Ministero della Pubblica Istruzione), l’associazione è già intervenuta in più di 10 paesi, fra i quali Haïti, Burundi e Kosovo, oltre che in Francia.

Ha ideato insieme al Ministère de l’Education Nationale un programma pedagogico, interattivo e multi-tematico per la Scuola primaria: La Playdagogia, caratterizzata dall’integrazione del contenuto educativo e tematico direttamente in una attività sportiva o di gioco.

Playdagogia

La corsa verticale, giunta alla sua seconda edizione, è declinata in più modalità: aziendale (rivolta alle imprese che hanno gli uffici a La Défense) o individuale. La partecipazione individuale può essere a sua volta in solitario (VertiGo) o a coppie (VertiDuo) dove ognuno fa solo 24 piani.

La partecipazione è gratuita: dovete soltanto raccogliere presso parenti, amici, conoscenti, prossimi, … qualche euro da dedicare a Sport Sans Frontières.

Volete partecipare? Iscrivetevi!

Avete dei dubbi? Potete vedere i risultati dell’edizione 2013.

Se volete fissarvi un obiettivo, sappiate che l’anno scorso, fra gli uomini il primo (Omar Bekkali) è arrivato in cima in 5 min 9 s, la prima donna (Fanny Cospain) in 7 min 13s.

Volete dei suggerimenti su come raccogliere fondi? Leggete l’esperienza di alcuni partecipanti del 2013.

E nel frattempo allenatevi!

 

Les automobiles passent sous La Grande Arche

La Grande Arche ouverte à la circulation automobile

Deux jours après le deuxième tour des élections municipales qui s’est déroulé dimanche 30 mars 2014, les maires des trois communes où est située La Défense, Courbevoie, Nanterre e Puteaux, ont décidé conjointement de moderniser les politiques d’urbanisation du quartier, pour tenir compte des nouvelles exigences des utilisateurs, résidents, salariés et touristes. Les sondages effectués en début d’année avaient effectivement mis en évidence les nombreux problèmes que la zone piétonne – choix désormais anachronique – crée à la circulation des automobiles et des moyens de transport en général.

Pour assurer la prolongation de l’Axe historique Louvre – La Défense bien au delà de La Défense, le document prévoit que “… la prolongation de l’Axe historique au delà de La Défense – grâce à l”idée géniale de Johann Otto von Spreckelsen qui a voulu une Grande Arche ouverte et non une œuvre qui ferme l’Axe – ne peut pas être conditionnée par la nature piétonnière du quartier et doit être au contraire une artère à grande vitesse mise à disposition des moyens de transport publics et privés …”.

C’est pour cela que le décret, émané hier lundi 31 mars 2014 et qui entre en vigueur aujourd’hui même, prévoit comme première mesure l’ouverture de La Grande Arche à la circulation automobile de façon à introduire des éléments forts de modernité dans le prolongement de l’Axe historique. Les travaux d’aménagement nécessaires à mettre en œuvre cette transformation ont eu lieu dans la nuit di 31 mars.

Sur la photo de couverture de cet article, on peut voir les premiers automobilistes qui, encore un peu surpris par la nouveauté, passent sous la Grande Arche et parcourent la nouvelle artère.

La photo originale des véhicules qui passent sous La Grande Arche
La photo originale des véhicules qui passent sous La Grande Arche

Ce site publie exclusivement des articles en italien mais, vu l’importance de la nouvelle pour tous les Défensiens, nous avons décidé d’en publier cette version en français,en plus de celle en italien.

Les automobiles passent sous La Grande Arche

La Grande Arche aperta al traffico automobilistico

A due giorni dalle elezioni amministrative in Francia che si sono concluse domenica 30 marzo 2014, i sindaci dei tre comuni nei quali ha sede La Défense, Courbevoie, Nanterre e Puteaux, hanno deciso in un provvedimento congiunto di ammodernare le politiche urbanistiche del quartiere adattandole alle nuove esigenze degli utenti. I sondaggi svolti negli ultimi mesi avevano infatti messo in evidenza i limiti per la circolazione delle automobili e dei mezzi di trasporto derivanti dall’impostazione ormai vetusta della pedonalizzazione dell’intero quartiere.

 

In un’ottica di prolungamento dell’Axe historique, l’asse storico che dal Louvre arriva a La Défense e si ripromette di andare oltre, nel testo del provvedimento si legge “… il prolungamento dell’Axe historique oltre a La Défense – reso possibile dalla geniale idea di Johann Otto von Spreckelsen che ha pensato ad una Grande Arche aperta e non ad un’opera che chiudesse l’asse – non può essere condizionato dalla pedonalizzazione ma deve essere un’arteria ad alta velocità, rivolta ai mezzi di trasporto privati e pubblici …”.

 

Pertanto il decreto emanato lunedì 31 marzo 2014 che entra in vigore dal giorno successivo, prevede quale primo provvedimento l’apertura de La Grande Arche al traffico automobilistico, in modo da segnare in chiave moderna il prolungamento dell’Asse storico. Nella notte di lunedì 31 sono stati realizzati i lavori di sistemazione necessari per rendere operativa già da oggi questa nuova via di comunicazione.

 

Nella foto di copertina si possono vedere i primi automobilisti che, ancora un po’ sorpresi dalla novità, stanno passando sotto La Grande Arche, percorrendo la nuova arteria. Così come nella foto originale.

La foto originale
La foto originale delle auto che passano sotto La Grande Arche

Data l’importanza della notizia che, per gli affezionati de La Défense, costituisce una vera e propria rivoluzione, in via eccezionale verrà pubblicato su questo sito anche la notizia in francese.