Glossario de La Défense

Perché un glossario? Perché La Défense è unica, speciale, particolare e come tale ha il suo linguaggio e i suoi termini che all’inizio possono sembrare un po’ misteriosi. E poi evitiamo così di rispiegare o ritradurre i termini in ogni articolo. Insomma vi e ci semplifichiamo la vita! Cliccate sull’icona Vai alla voce nel Glossario de La Défense che incontrate negli articoli per accedere alla voce del Glossario de La Défense.

Axe historique

L’Axe historique (l’asse storico) è la via rettilinea nata per collegare il Louvre, una volta residenza dei Re di Francia, alla foresta di Saint-Germain-en-Laye dove andavano a caccia. Oggi è la linea che dal Louvre va a La Défense, passando per i Champs-Elysées. Parte dall’Arc de triomphe du Carrousel (al Louvre), incontra l’Arc de Triomphe (place Charles-de-Gaulle, una volta place de l’Etoile) e termina con la Grande Arche, a La Défense.

Île-de-France

La Francia (metropolitana) è suddivisa in 22 regioni. L’Île-de-France (Isola di Francia) è la regione che ha per capoluogo Parigi e dove si trova La Défense. Gli abitanti si chiamano i Franciliens e le Franciliennes.

Hauts-de-Seine (Département des Hauts-de-Seine)

L’Île-de-France è suddivisa in 8 départements (i dipartimenti francesi sono simili alle province italiane) fra i quali quello degli Hauts-de-Seine, dove è situata La Défense. Posto ad ovest di Parigi, è identificato con il numero 92. Gli abitanti si chiamano Altoséquanais et Altoséquanaises.

Conseil général des Hauts-de-Seine

Il Conseil général des Hauts-de-Seine (Consiglio generale) è l’assemblea deliberante del dipartimento ed è preposto alla definizione di tutte le attività di competenza del dipartimento (educazione, cultura, infrastrutture, sviluppo locale, turismo, …).

Parvis

Letteralmente, il parvis è il sagrato. Tant’è che spesso si sente parlare del parvis de Notre-Dame. La parola avendo successivamente acquistato il senso di spiazzo antistante ad un monumento, anche non religioso, il nome Parvis de La Défense è stato assegnato al piazzale centrale che dalla Grande Arche si estende fino alla scultura dei personaggi di Mirò. Da lì inizia la Place de La Défense, che termina con la Fontaine Agam.

Esplanade

L’esplanade è il piazzale. Nel nostro caso è quello che si estende dalla Fontaine Agam fino quasi al Pont de Neuilly, che scavalca la Senna. E’ anche familiarmente ma erroneamente chiamato Esplanade de La Défense, chiamandosi in realtà Esplanade du Général de Gaule.

Defacto

E’ l’organismo di gestione de La Défense. Creato nel 2007, Defacto, Établissement Public de Gestion du quartier d’affaires de La Défense, ha per missioni la gestione, la promozione e l’animazione dello spazio pubblico del quartiere. Non solo manutenzione e servizi tecnici, ma anche per esempio valorizzazione del patrimonio, sicurezza, spettacoli e iniziative turistiche.

EPAD

L’Établissement public pour l’aménagement de la région de la Défense (Ente Pubblico per lo sviluppo del territorio della regione de La Défense) è stato un ente pubblico a carattere industriale e commerciale, creato il 9 settembre 1958 con il compito di pianificare e sviluppare la zona de La Défense per conto dello Stato e degli enti locali. Il 2 luglio 2010 è confluito nell’EPADESA (Établissement public d’aménagement de la Défense Seine Arche) e una parte delle sue attività è svolta oggi da Defacto.

La Dalle

La Dalle merita la maiuscola. Letteralmente la lastra, non è solo il sistema costruttivo che ha ispirato la realizzazione dell’intero quartiere: una pavimentazione sopraelevata basata su lastre in cemento armato, appunto la Dalle. Ma è il simbolo stesso di un movimento urbanistico nato in Francia, il cosiddetto Urbanisme de dalle, poco traducibile, che ha visto nell’architetto Le Corbusier il suo principale ideatore e sostenitore, che separa su due livelli i flussi di trasporto dalla circolazione pedonale.

Les tours

In Italia, queste costruzioni alte, molto alte … adibite prevalentemente ad uffici vengono chiamate grattacieli. In Francia queste stesse costruzioni vengono chiamate tour (torre) e molto raramente gratte-ciel. A Milano, il palazzo della Regione Lombardia è noto come grattacielo Pirelli. A La Défense si parlerà per esempio della Tour Total. Per estensione, anche edifici che sono più larghi che alti, a La Défense vengono chiamati tours. Un esempio: la Tour Esso.

Coeur Transport

Letteralmente “Cuore trasporto” ma soprattutto Un COmplexe d’Echanges URbain ossia un Complesso di scambi urbano, è la stazione sotterranea de La Défense che accoglie 500.000 passeggeri al giorno. Posto sotto il Parvis de La Défense, è un centro multimodale che raggruppa metro, RER, autobus, treni, tramway offrendo al pubblico una sala di accesso di 15.000 mq. Alcune delle opere d’arte contemporanea vi sono installate.

Coeur Défense

Questa volta si tratta di cuore, ma il gioco di parole non ce lo toglie nessuno. Lo slogan di questo complesso immobiliare è Coeur Défense, mon Coeur Business, simile a l’inglese Core Business.

Un insieme di 2 torri da 40 piani e 3 torri da 9 piani, con allestimenti da capogiro: un esempio fra tutti, dispone di 59 ascensori. Non potete non vederlo, è nel centro de La Défense, sulla sinistra guardando Parigi.

Tête Défense

Dopo il cuore, la testa. Tête Défense è il nome del progetto che venne lanciato nel 1982 per completare l’Axe historique che dal Louvre arriva a La Défense. L’Asse storico risultava infatti incompiuto e lo si voleva chiudere. Dopo varie peripezie, venne scelta La Grande Arche. Ironia della sorte, essendo aperto, il monumento non segnò per niente la chiusura dell’asse ma ne decretò il prolungamento ulteriore con nuovi progetti in corso di realizzazione.

Prix de Rome

Nato nel 1663 in Francia, sotto Luigi XIV, è il titolo che ricevevano i vincitori dei concorsi delle Accademie reali e successivamente dell’Accademia delle belle-arti, concorsi, anche se creati in periodi diversi, di architettura, pittura, scultura, incisione e musica. Il nome “Prix de Rome” deriva, a partire dalla fine del diciottesimo secolo, dall’abbinamento al premio di un soggiorno di alcuni anni presso l’Accademia di Francia a Roma, oggi a Villa Medici, che consentiva al vincitore di perfezionare la propria formazione. Il concorso è stato soppresso nel 1968 da André Malraux, l’allora Ministro per gli Affari Culturali.

 

Man mano ne aggiungeremo altri …

 

One thought on “Glossario de La Défense”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *