La Parade Immobile - Compagnie Oposito - 2010

Divertirsi a La Défense

Se La Défense e il suo museo all’aperto vi fanno dire: “All’aperto va bene, ma è sempre un museo. E io i musei …” oppure se i grattacieli di vetro e acciaio vi fanno rimpiangere i tempi passati e diventare nostalgici, niente paura.

A La Défense non ci sono soltanto arte e architettura ma anche divertimenti!

Cinema, sport, musica, mostre, mercatini, shopping – ovviamente ristoranti e bar – e tante altre forme di divertimento che animano il quartiere e lo rendono molto vivo.

Diversi eventi sono diventati ormai appuntamenti fissi (fra parentesi, il periodo in cui si svolgono generalmente):

 

Chorus (marzo – aprile)

Festival Chorus 2014 - © Conseil Général des Hauts-de-Seine
© Conseil Général des Hauts-de-Seine

Chorus è un festival musicale organizzato dal Conseil général des Hauts-de-Seine Vai alla voce nel Glossario de La Défense con una programmazione che va dalla canzone al rock, passando dalle musiche elettroniche, l’hip-hop, la world music e le musiche attuali. Punto centrale dell’evento è il Village du festival, in centro a La Défense, che propone concerti gratuiti a mezzogiorno e fine pomeriggio, a pagamento la sera. E nel 2014?

 

La Défense Jazz Festival (giugno)

La Défense Jazz Festival - © Conseil Général des Hauts-de-Seine
© Conseil Général des Hauts-de-Seine

Organizzato dal Conseil général des Hauts-de-Seine Vai alla voce nel Glossario de La Défense in collaborazione con Defacto Vai alla voce nel Glossario de La Défense, La Défense Jazz Festival si svolge all’aperto ed è gratuito. Il festival offre una programmazione di qualità in un universo jazz eclettico aperto alla contaminazione degli stili musicali: soul, funk, blues, world music, electro, hip-hop, rock … E’ giunto alla 36esima edizione nel 2013 con la partecipazione di circa 43.000 spettatori. E poi alla 37esima nel 2014. E nel 2015?

 

 

L’Eté Defacto (luglio – agosto)

L'été Defacto - © Defacto
© Defacto

D’estate La Défense si trasforma. Gli impiegati. residenti e turisti invadono gli spazi pubblici e le numerose aree verdi. E’ il periodo della vita all’aperto, del dolce far niente e della tintarella: ci si può anche abbronzare. Su iniziativa di Defacto Vai alla voce nel Glossario de La Défense, d’estate l’iniziativa Eté Defacto mette a disposizione tavoli da pique-nique, poltrone e sdraio, scambi di libri, giochi giganti quali scacchi, dama, calcio balila. E nel 2014?

 

 

La Défense Tours Circus (settembre)

La Défense Tours Circus - © Conseil Général des Hauts-de-Seine
© Conseil Général des Hauts-de-Seine

Organizzato dal Conseil général des Hauts-de-Seine Vai alla voce nel Glossario de La Défense e da Defacto Vai alla voce nel Glossario de La Défense, La Défense Tours Circus è un festival gratuito delle arti di strada e del circo. Grazie a una ventina di compagnie di strada, La Défense si anima al ritmo degli spettacoli e si trasforma in un teatro all’aperto dove si mescolano architettura monumentale e poesia delle arti di strada. E’ giunto alla terza edizione nel 2013. E nel 2014?

 

Le Spectacle Defacto (settembre)

Le Spectacle Defacto - © Defacto
© Defacto

In una sera di settembre, suoni e luci, fuochi d’artificio e proiezioni in “mapping 3D” giocano con l’architettura monumentale del quartiere. Grattacieli e Grande Arche diventano schermi giganti sui quali le proiezioni creano effetti spettacolari. Anche gli edifici più monumentali sembrano animati. Particolarmente d’effetto le proiezioni 3D sulla facciata della Grande Arche, di 7.500 m².

 

Le Giornate Europee del Patrimonio (settembre)

Les Journées du Patrimoine - © Defacto
© Defacto

La Défense partecipa ogni anno alle Giornate europee del patrimonio, che coinvolgono una cinquantina di paesi europei e sono destinate a far conoscere e valorizzare il patrimonio dei singoli paesi in tutte le sue forme. In particolare nel 2013 i visitatori hanno scoperto il Clos de Chantecoq, la vigna coltivata fra i grattacieli, composta da 700 ceppi, metà di Chardonnay e metà di Pinot nero, partecipando alla vendemmia e … alla degustazione.

 

 

Mercatino di Natale (novembre – dicembre)

Le Marché de Noel - © Defacto
© Defacto

Mercatino o mercatone di Natale? Con 300 chalets di legno installati nel centro del quartiere degli affari, è un vero e proprio villaggio che si insedia di fronte a la Grande Arche. Un appuntamento popolare che propone ogni anno oggetti artigianali e specialità gastronomiche: foie gras del Sud-Ovest, vini, formaggi delle Alpi … Simile a tutti i mercatini di Natale, ma grande, molto grande.

 

 

Molti degli eventi organizzati sono gratuiti. Non perdeteli. Arte e architettura? Va bene, ma spazio anche al divertimento! Seguiteci per essere informati delle date delle manifestazioni e delle modalità di partecipazione.

La fotografia di copertina è un dettaglio de La Parade Immobile (La parata immobile), installazione della Compagnie Oposito del 2010.

La Défense, regno dell’architettura

Se possiamo chiederci cosa c’entra l’arte a La Défense, per l’architettura non vi sono dubbi!

Dal primo edificio costruito all’ultimo grattacielo ancora da terminare, è un susseguirsi di prodezze architetturali e una sfida continua fra architetti.

Francesi o di altri paesi, singoli o associati, famosi oppure sconosciuti, tutti hanno lasciato nelle loro opere e nel quartiere stesso un’impronta che riflette non soltanto il loro estro ma anche i requisiti che “les tours”, ossia le torri, i grattacieli, dovevano rispettare al momento della costruzione.

Infatti, come vedremo in altri articoli, dagli anni ’50 ad oggi si sono susseguite cinque generazioni di torri, ognuna caratterizzata nella costruzione degli edifici da obiettivi e da vincoli diversi.

Ma non è soltanto per i grattacieli che merita di essere raccontata l’architettura de La Défense ma per i due punti chiave che ne hanno ispirato la progettazione e la costruzione:

  • l’Axe historique (l’asse storico): è la via rettilinea nata per collegare il Louvre, residenza dei Re di Francia, alla foresta di Saint-Germain-en-Laye dove andavano a caccia. Oggi è la linea che dal Louvre va a La Défense, passando per i Champs-Elysées e l’Arc de Triomphe (Arco di Trionfo). Non a caso La Défense si trova nella sua posizione attuale. La sua storia meriterà di essere raccontata così come gli aneddoti che ne hanno costellato la realizzazione
Una parte de l'Axe historique visto da La Défense
Una parte de l’Axe historique visto da La Défense. In primo piano, un dettaglio dei segnali luminosi dell’opera Le Bassin Takis.
  • la dalle (letteralmente “la lastra”): si riferisce al sistema di pavimentazione sopraelevata che sta alla base dell’intero quartiere degli affari e che separa le costruzioni di superficie (uffici, abitazioni, negozi, …) dai servizi sottostanti (trasporti pubblici, autostrade, parcheggi, infrastrutture, …). Anche se oggetto di qualche critica (ma quale realizzazione non lo è?) questa scelta è a nostro parere il colpo di genio iniziale che ha reso pedonale il quartiere degli affari, facendolo diventare una delle più affascinanti mete turistiche moderne.

E pensare che l’idea, ripresa dall’architetto francese Le Corbusier, è stata di Leonardo da Vinci!! Ma questa è una lunga storia …

L’architettura sarà quindi un altro tema che ci permetterà di raccontarvi La Défense. Seguiteci!

 

Dettaglio di un gratatcielo de La Défense. Quale sarà?

I superlativi de La Défense

La Défense è un quartiere superlativo!

E i superlativi non mancano per illustrare i diversi primati che gli sono riconosciuti.

Volete farvi un’idea?

Abbiamo raccolto per voi in questo articolo quelli che si trovano nei documenti, articoli, comunicazioni o siti che parlano de La Défense.

Il più grande quartiere d’affari d’Europa” (La Défense)

Il primo quartiere d’affari d’Europa” (La Défense)

Il più grande centro commerciale d’Europa” (Les Quatre Temps e il CNIT)

L’unico quartiere d’affari a potersi vantare di avere una vigna” (La Défense)

La più grande volta autoportante del mondo” (Il CNIT)

Il primo complesso di trasporti pubblici d’Europa” (Coeur Transport Vai alla voce nel Glossario de La Défense)

Il più alto grattacielo di abitazioni d’Europa” (Défense 2000, al momento della sua costruzione nel 1974)

Il grattacielo più alto d’Europa” (Richiesto nel 1969 all’architetto Ieoh Ming Pei, si prevedeva avesse un’altezza di 70 – 80 piani ma non fu mai realizzato!)

Il grattacielo più alto di Francia” (La Tour First, alta 231 metri)

Il concerto record del mondo per il numero di spettatori” (Quello di Jean-Michel Jarre a La Défense, il 14 luglio 1990, con 2 – 2,5 milioni di spettatori, che superò i suoi precedenti record e entrò per la terza volta nel Guinness dei Primati)

 

Aggiorneremo questo articolo man mano che ne scopriremo altri.

 

Siete invitati a partecipare. Mandateci, in un commento a questo articolo, i superlativi che trovate su La Défense, indicando dove li avete trovati.

Scriveteci anche se avete indovinato quale torre è rappresentata nella foto di copertina.

 

Atila - Le sculpteur de nuages (1972)

La Défense: quartiere degli affari o dell’arte?

Arte? Avete detto arte? La Défense è il quartiere degli affari di Parigi! Cosa c’entra l’arte?

Della storia de La Défense vi racconteremo in successivi articoli, ma possiamo considerare il 1958 come il suo anno di nascita con la creazione, ad opera dello Stato francese e degli enti locali coinvolti, dell’EPAD – Établissement public pour l’aménagement de la région de la Défense. La missione di questo “Ente pubblico per la sistemazione della zona de La Défense” è la realizzazione e promozione di un quartiere degli affari per Parigi, ad ovest della capitale.

Da allora inizia una trasformazione del quartiere nella quale certo non c’è posto per l’arte ma soltanto per la costruzione di grattacieli. E’ soltanto dall’inizio degli anni ’70 che si decide di promuovere il quartiere e di aumentarne l’attrattiva coinvolgendo l’arte contemporanea.

Arte promossa inizialmente da commesse e acquisizioni pubbliche,  integrate successivamente da interventi privati. Commesse che avranno un respiro internazionale e coinvolgeranno numerosi artisti contemporanei francesi e internazionali.

La scultura L’oiseau mécanique (L’uccello meccanico) dell’artista greco Philolaos Tloupas (detto Philolaos), installata nel 1972, inaugurerà la serie delle opere d’arte che negli anni successivi verranno commissionate e dislocate qua e là tra i grattacieli.

Philolaos - L'oiseau mécanique (1972)
Philolaos – L’oiseau mécanique (1972)

La serie è ormai numerosa anche se il numero esatto delle opere installate rimane un mistero: è vero che può cambiare nel tempo per via di nuove installazioni e rimozioni ma anche ad una stessa data le fonti non sono d’accordo, comprese quelle ufficiali. Diciamo per non sbagliare da 60 a 70, alcune monumentali e alcune molto piccole, alcune in bella vista e alcune difficili da trovare, alcune di artisti famosi e altre di autori meno noti. Ma tutte molto interessanti e soprattutto, dislocate come sono in mezzo ai grattacieli, stupende mete di passeggiate in questa enorme zona pedonale che è il quartiere de La Défense. Non si tratta certo del Museo del Louvre, ma vederle tutte richiede un impegno non indifferente.

Arte contemporanea? Qualcuno storcerà il naso ma ricordiamoci che stiamo parlando di opere realizzate a partire degli anni ’70. Molte delle quali sono diventate quasi classiche. Piaceranno quindi (quasi) tutte anche ai più refrattari.

Un vero museo all’aperto che vi racconteremo e nel quale vi proporremo delle passeggiate. Passeggiate fra le opere d’arte ma anche fra le prodezze architettoniche rappresentate da alcuni grattacieli. Non solo, ma anche passeggiate nell’animazione e nella vita di tutti i giorni del quartiere.

Perché La Défense – come recita la frase di presentazione del nostro sito – non è solo il quartiere dell’arte e dell’architettura ma anche degli affari di Parigi.

Seguiteci su questo sito per scoprire insieme La Défense.

Nella fotografia di copertina di questo articolo, Le sculpteur de nuages (Lo scultore di nuvole) dell’artista Atila Biro (detto Atila).

Sciuscià, sciuscià!

Sciuscià a La Défense?

Niente a che fare con gli scugnizzi napoletani che guadagnavano alcuni spiccioli lucidando le scarpe durante la seconda guerra mondiale. Ma di lustrascarpe si tratta!

Sembrava un mestiere scomparso ma è tornato allo CNIT (e non solo).

Il giovedì e il venerdì, dalle 11.30 alle 19 potete investire 5 euro per farvi lucidare le scarpe comodamente seduti (7 euro per gli stivali).

State pensando a un “revival” un po’ fuori tempo, ad un intraprendente calzolaio del posto oppure a qualche iniziativa tollerata ma non proprio autorizzata …?

Niente di tutto questo: sono alcuni dei vincitori del bando per progetti di economia sociale e solidale 2012 promosso dal Département des Hauts-de-Seine Vai alla voce nel Glossario de La Défense.

Il progetto, finanziato per 50.000 euro, si propone di creare una rete per aiutare dei lustrascarpe indipendenti a svolgere la loro attività in pubblico.

Les Cireurs (i lustrascarpe) sono già presenti in altri siti quali il grande magazzino Bon Marché a Parigi o il centro commerciale So Ouest (non lontano da La Défense).

Quindi un’iniziativa molto seria.

Tant’è che, giovedì 23 gennaio alle 11.30 al CNIT, per l’inaugurazione del nuovo stand dei Cireurs a La Défense sarà presente Jean Sarkozy, vice-presidente del Consiglio generale con delega all’economia sociale et solidale.

Certo che se per venire a La Défense avete messo le scarpe da ginnastica …

 

Per saperne di più: www.lescireurs.fr (in francese).

Numeri, numeri … diamo i numeri

I numeri cambiano e non sono sempre gli stessi a seconda di chi li fornisce ma La Défense, nel 2013, è:

  • una superficie di 160 ettari, di cui 31 pedonali  (quante passeggiate in prospettiva!)
  • 12 ettari di spazi verdi
  • più di 100 grattacieli
  • 3 milioni di metri quadri di uffici
  • 600.000 metri quadri di abitazioni
  • 230.000 metri quadri di negozi
  • 2.500 imprese, di cui 14 fra le prime 20 imprese francesi e 15 fra le prime 50 mondiali
  • 800 banche e assicurazioni
  • 160.000 posti di lavoro
  • 20.000 abitanti
  • 10.000 studenti
  • 23.000 posti nei parcheggi pubblici
  • 65 opere d’arte all’aperto
  • 8,4 milioni di turisti all’anno

e una vigna!

Quante cose da raccontarvi!

 

 

(Fonte: www.defacto.fr, www.france.fr)

 

Saldi matti … o saldi ghiacciati?

Volete fare shopping nel centro commerciale più grande d’Europa?

Approfittate dei saldi Soldes givrés che dall’8 gennaio all’11 febbraio 2013 si svolgono ai centro commerciale de La Défense.

Con i Quatre Temps e il CNIT, anticipate le ultime tendenze nei 250 negozi che vi offrono il meglio della moda, della decorazione, della cultura, dello sport e del tempo libero.

E’ aperto dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 20.00 e la domenica dalle 11.00 alle 19.00 ma mercoledì 8 gennaio aprirà eccezionalmente dalle 8 alle 21.

Approfittatene!

Orari dettagliati e altre informazioni sul sito www.les4temps.com.

Perché “Saldi matti … o saldi ghiacciati”? Perché in francese, “givré” ha due significati: sia ghiacciato (o anche brinato), sia matto.

Della storia dei Quatre Temps (guardando la Grande Arche, a sinistra) e del CNIT (il grande palazzo “a vela” bianco a destra), vi racconteremo più avanti.

 

Primo gennaio duemilaquattordici

Non potete andare a Parigi senza visitare La Défense!

Nota come “Il quartiere degli affari” di Parigi, La Défense è in realtà “Il quartiere dell’arte, dell’architettura e (anche) degli affari” di Parigi.

Ed è proprio per “raccontarvi” La Défense che nasce questo sito, il 1° gennaio 2014 .

Per convincervi a visitarla quando andrete a Parigi, o addirittura invogliarvi ad andare a Parigi apposta per visitarla.

Tutte le guide turistiche citano La Défense ma sempre di sfuggita e solo dopo gli immancabili Arco di Trionfo, Tour Eiffel, Sacro Cuore, … ecc. I siti che parlano de La Défense sono in francese, a volte in inglese. In italiano niente!

Questo sito invece parla italiano e si rivolge ai numerosi turisti italiani che vengono a Parigi, agli italiani che vivono a Parigi ma anche a chi, di qualunque nazionalità, studia o parla l’italiano.

Vi racconterà delle numerose opere d’arte sparse in mezzo ai grattacieli, dei tanti grattacieli uno più moderno dell’altro e dei loro architetti, degli abitanti del quartiere, degli spazi verdi, dell’animazione, degli eventi, degli spettacoli, dello shopping e di tutto quello che è la vita del quartiere.

E poi aneddoti, storie e storia de La Défense.

Ma soprattutto, vi inviterà a passeggiare a La Défense, senza metà né fretta, come un vero “flaneur” parigino. Senza meta precisa ma anche proponendovi qualche itinerario.

Quartiere degli affari, sì ma totalmente pedonale! Un vero sogno …